Possono succedermi solo cose meravigliose.(Gianfranco Fauci)

cammino.jpgOgni tanto vado controcorrente. Decido di non fare ma di far succedere, di non pensare ma di sentire, di non immaginare ma di percepire. Non dico di riuscirci sempre, ma quando ci riesco, beh, quando ci riesco è meraviglioso. Mentre aspetto che le cose succedano, non penso a ciò che potrebbe succedere, perché se lo facessi rischierei di rovinare tutto. Allora, allora provo il sentire e talvolta il percepire e aspetto che le cose succedano. Non c’è cosa più difficile. Sì, difficile, perché non sono abituato a farlo e perché nessuno mi ha detto come si fa. Poi, quando l’ho fatto, nessuno mi ha detto che sono stato bravo. Si è trattato di un riconoscimento interiore, indipendente dagli altri. Nessuno può giudicare qualcosa che non ho fatto, nessuno tranne me. Certo, perché se provo gioia vuol dire che ho fatto bene; o meglio, non fatto, ma fatto succedere qualcosa di bello. Se provo tristezza? Beh, se provo tristezza vuol dire che ho sbagliato qualcosa; sì, perché di una cosa sono certo: possono succedermi solo cose meravigliose.

Possono succedermi solo cose meravigliose.(Gianfranco Fauci)ultima modifica: 2013-07-30T08:45:00+02:00da gian-fa
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Possono succedermi solo cose meravigliose.(Gianfranco Fauci)

Lascia un commento